Privacy Policy

Dreamstime 1, iStockphoto 1/2, Shutterstock 0

Ci sono dei momenti che mi perdo a cercare di capire se c’e’ una regola in comune tra le varie agenzie microstock, ma in fondo forse non ci sono regole, ma persone che selezionano foto e interpretano le linee guida soggettivamente.

Ricapitoliamo… in questo periodo mi sto concentrando su tre agenzie iStockphoto, Dreamstime e Shutterstock, utilizzando 20 foto test per passare la selezione interna per poi poter iniziare a caricare il proprio archivio fotografico.

La mia battaglia con iStockphoto pare ad una svolta (o quasi) il mio 4 tentativo è andando a buon fine e posso finalmente iniziare a caricare le mie foto (ovvia.mente nuova.mente soggette a revisione).

Ma franca.mente non mi è chiaro perchè queste foto (3) che ho proposto sono passate e le precedenti no, sopratutto per una foto che veniva definita errata nella conversione e faceva parte di una serie di foto (food su fondo nero) scattate nello stesso momento e trattate nella medesima maniera.
Insomma il cavolo è NO e il peperone è SI. Ma andiamo avanti con i test e prima o poi capirò come stanno effettiva.mente le cose.

Entro nel pannello di gestione di iStockphoto e già noto delle enorme differenze rispetto Dreamstime e Shutterstock, lo trovo poco usabile, 4 passaggi per poter caricare, compilare i tag, titoli e descrizione e dare l’invio finale.
Con mio disappunto noto (forse non l’ho ancora trovato) che non permette il caricamento via FTP, ma solo dal web questo comportando un ulteriore rallentamento.

Da ieri ho iniziato a caricare le prime foto, ma con mio grande stupore ho visto i limiti, come potete vedere dalla foto sono 15 scatti ogni 168 ore.

istockphoto

Quindi aggiungo il tempo che impiego per inserire ogni singolo file (4 passaggi) circa 15 minuti a foto più il limite, più l’interfaccia non proprio friendly, inizio a passarmi la voglia di inserire il mio materiale dentro questa agenzia.
Ma siccome non è nella mia natura fermarmi ai primi ostacoli, mi sono chiesta:”ma forse adoreranno un metodo diverso a seconda dell’importanza del fotografo?”… quindi andiamo avanti e vediamo se le cose miglioreranno o rimarranno le medesime.

Dreamstime supporta fortunata.mente FTP e anche qui ci sono regole diverse (per ora il migliore a mio giudizio) ti permette fino ad un 1GB.

dreamstime

Shutterstock non lo so ancora, l’altro giorno ho proposto le foto e per poter passare la selezione ed entrare su 10 scatti minimo devono passate la selezione 7.

Ovvia.mente non sono passati nessuno, ma che novità eh? e anche qui ricevo commenti totalmente diversi da iStockphoto e Deamstime, ragazzi non ci crederete ma non capisco più niente, confronto i dati e ci contraddicono.

Se mi dite che una foto (Shutterstock) ha un problema tecnico ossia non è bilanciato il bianco come è possibile che la stessa foto sia dentro le altre agenzie stock? ma sopratutto se le foto in questione non hanno superficie bianche ma sono oggetti di alluminio su fondo nero… l’alluminio non può essere bianco l’alluminio è alluminio è ha la sua tonalità di colore.

Anche qui a differenza di iStockphoto i tempi per riproporre nuove foto sono di 30gg.

shutterstockMa la chiave di volta di questo enigma e fatto da chi seleziona o da una regola coerente?

Andiamo avanti…
A presto.

Share
This entry was posted in Archivi fotografici, Foto, Microstock and tagged , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Dreamstime 1, iStockphoto 1/2, Shutterstock 0

  1. mystockphoto says:

    Ciao Elena,
    in base alla mia esperienza ti posso dire che esistono delle regole coerenti ma si scontrano con l'”ispirazione” dei selezionatori… per farti un esempio la mia foto best seller su stockxpert è stata bocciata da tutti gli altri big (intendo istock, dreams, fotolia, shutter).
    Divagando un po’, per agevolarti nell’upload cervellotico su istock, ti consiglio di usare deepmeta, trovi una mia piccola review qui
    http://www.mystockphoto.org/deepmeta/
    Ciao e buona avventura,
    roberto

  2. Cattivik3 says:

    Ciao Roberto,
    in questo periodo sto preparando nuove foto per nuovi test, ma più vado avanti e piu mi rendo conto che è solo una questione di chi seleziona…

    Appena ho un attimo di tempo guardo deepmeta…

    Grazie, ciao a presto.
    Elena

  3. PierLuigi says:

    Ti capisco e condivido pienamente le tue frustrazioni. Se almeno uno capisse esattamente quello che deve fare…
    Io attualmente sto cercando di “lavorare” con Fotolia, Dreamstime e 123RF: mammamia che differenze! Bisogna micca creare dei portfolio diversi per ognuno?
    Qualche sospetto però mi viene leggendo questo articolo http://microstockexperiment.blogspot.com/2009/09/is-microstock-still-for-hobbyst.html
    Ciao…proviamo a non demordere