Privacy Policy

S.E.O. x S.E.O. = TRENTAS.E.O.?

“Maestro non è soltanto chi sa tante cose, ma chi non ha paura di insegnare agli altri quel che sa!”

Questa è una frase che condivido in pieno ma che ho pensato spesso mentre leggevo l’ennesimo libro che parla di S.E.O. e ottimizzazione web per motori di ricerca, testo che non insegna nulla di più di quello che si trova, a costo zero, sul web ma la cosa assurda è che diffone un concetto/messaggio che consiste “che c’e’ vò… sono solo quelle quattro cose da sapè e poi mi spaccio per un seo professsionallll… chee me frega der cliente!!!! tanto ho letto er librrro de seo!!!!”.

Ecco perchè mi ritrovo, sempre più spesso, clienti incazzati neri dove hanno speso cifre inadeguate per un servizio fatto alla volemose bene.

Svolgo la professione della fotografa dal 1994 e quella della SEO/SEM Specialist dal 2000, di cambiamenti… evoluzioni… stravolgimenti ne ho visti parecchi in questi anni… ma il boom che sto osservando, in questi ultimi tempi, nell’ambito seo è pari a quello di quando entrò l’era della digitale nella fotografia.

Improvvisati, cialtroni, fotografi della domenica che alla fine hanno solo ammazzato il mercato e non hanno dato nessun contributo professionale se non quello di riparare i danni causati.

Leggo tutto ciò che si parla di SEO e SEM, informarsi cosa scrivono i colleghi è fondamentale sia per fare il punto della situazione con se stessi e sulle proprie conoscenze ma…. soprattutto uno stimolo importante per crescere, condividere, sperimentare nuovi test ed idee su come usare/giocare/posizionarsi sui motori di ricerca.

Ritorniamo al nostro libro di SEO, non farò nomi… non voglio fargli pubblicità (ma se me lo chiedete privata.mente… :o) ), ma credetemi è qualcosa di vera.mente imbarazzante fuori da ogni logica. Sono scritti meglio i libricini da €7.50 e questo costa il triplo!!!

Dovrebbe essere un libro scritto da un solo autore (cosi cita la copertina) ma man mano che si va avanti nella lettura si capisce che ci sono svariati interventi o concetti scopiazzati qua e la… bo

Spesso e volentieri gli argomenti vengono affrontati con una dialettica terra terra, troppo terra, tale delle volte, da non capire di cosa si stia parlando ma sopratutto noto che gli argomenti rimangono sempre in ambito superficiale e poco approdondito.

Insomma da un libro di 266 pagine, monotematico mi aspetto un approfondi.mento maggiore e più accurato.

Cerco di non compromettermi l’opinione che sto iniziando ad avere sull’autore e vado a cercare un pò di informazioni sul web sia per curiosare e per valutare il suo lavoro e capire il suo percorso.

Navigo il suo sito personale, il sito che promuove le sue attività, interviste, forum insomma tutto quello che ho trovato sul web.

e.. qui inizia il mio sconcerto e mi dico, “ma cavolo!!! almeno le regole base applicale no? o non commettere gli errori da chi si approccia la prima volta su questo argomento!!!”

Sono la prima ad ammettere che il mio sito personale ha un codice vintage (per non dire schifoso) che risale al 2000 (in quegli anni si scriveva il codice in un modo totalmente diverso da oggi, più sporco)…
Lo so, l’ho anche scritto pubblica.mente e ora sto lavorando alla nuova relase che avrà un codice pulito e soprattutto che seguirà le regole SEO essendo una SEO e svolgendo questa professione. (Ma almeno i title li ho messi giusti e con le battiture corrette!!!!)

Ma oggi, creare un sito web che non abbia i concetti base del SEO da chi fà SEO è da folli, sarebbe come dire che uno predica bene e razzola male.

Mentre quello che ho riscontrato in questi siti sono cose che vedevo fare un bel pò di annetti fà e da chi iniziava, tipo:

  1. TITLE da 588 o 479 battute contro i 72/100 consigliati
  2. Assenza di TITLE nei link
  3. ALT assenti
  4. I tag H assenti o in altri casi valorizzato solo con H3
  5. Titoli delle pagine tutti uguali (tranne le eccezioni sopra citate)
  6. La classe del font messa dentro il codice
  7. e… tante altre cose lato codice che non stato a tediarvi

Due esempi di Title e Description voluta.mente sfocati, ma si capisce la lunghezza:

Titolo e Descrizione

Altro titolo

Franca.mente mi aspettavo di trovare qualcosa di migliore di quello che ho visto, ma non di certo titoli da 588 battute… nemmeno le descrizioni si fanno cosi lunghe.

Non capisco e quindi cerco il suo cv per leggere il suo percorso che l’ha portato al mondo SEO ma sopratutto per capire l’esperienza che ha maturato in questo ambito…
Altra sopresa… non ha alle spalle nessuna esperienza SEO, ma come dici in un intervista che questo (SEO Specialist) è un lavoro serio da professionisti e che richiede tempo ed esprienza? tu senza avere basi ci scrivi un libro????

Il che chiude il cerchio e mi da una opinione ben precisa e sicura.mente mai più acquisterò libri suoi almeno finché non avrà maturato esperienza “vera”.

La domanda che mi pongo… come si fa a scrivere un libro su di un argomento senza avere esperienza alle spalle? e poi… ma gli editori pubblicano tutto, l’importante è vendere?

ps. a breve mi arriverà un libro che parla di Web Analytics ma qui l’autore posso citarlo e si chiama Alessio Semoli, lui è una garanzia ad occhi chiusi e… so… per certa… che la lettura di questo libro sarà vera.mente interessante.

Share
This entry was posted in Seo and tagged , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.